Zelda

Per me Zelda è come una sorella perché io e lei ci divertiamo un sacco insieme.
Zelda è una cagnolina meticcia di colore bianca, marrone, nera e occhi a mandorla; ha circa due anni; ha una coda bianca che fa ondeggiare sempre e ha delle orecchie morbide che stanno all’insu. L’abbiamo presa al Canile di Caluso da una collega di mamma che si chiama Monica. Siamo andati una sera , era già buio e pioveva. C’erano moltissimi cani che abbaiavano ; Zelda era spaventata perché non ci conosceva. Era così agitata che ha vomitato in macchina al ritorno. In casa si muoveva con gli occhi tristi : non sapeva se poteva fidarsi di noi. Adesso che è sicura sta diventando allegra e comincia a combinare guai, tipo mordere il tappeto della mia stanza e portare in giro le ciabatte.
Zelda, mentre io dormo, viene a leccarmi le mani per farsi dare le coccole; poi si mette vicino a me; appena io mi sono addormentato, va in salotto a fare compagnia a mamma e a papà.
Di giorno io prendo in braccio Zelda per coccolarmela e Zelda è contentissima che io la prenda in braccio e mentre io l’accarezzo, lei si guarda intorno.
Alla sera, mentre io e mamma e papà guardiamo qualcosa alla tv, lei si mette dentro la sua cuccia e ci fa compagnia.
Zelda è contenta di avere una famiglia come noi che non le facciamo mancare niente; che le diamo sempre le crocchette che gli piacciono tanto e che alla sera e alla mattina la portiamo fuori a fare i suoi bisogni.
Qualche volta penso che Zelda è stata trattata male e abbandonata.
Forse i suoi padroni volevano addirittura ucciderla. Stava con un altro cane che si chiama Remì e che forse è ancora al canile. Mi chiedo se si ricorda del suo amico Remì ma spero che abbia dimenticato tutto il resto.
Io sono contento di avere una cane che mi fa compagnia e che mi segue sempre.
Mi aiuta a non essere triste, a stare tranquillo perché c’è lei che mi difende , che mi vuole bene , e soprattutto che mi aiuta a fare sparire i miei brutti pensieri.

Luigi

10256332_10153015147429047_6920899240314304693_n